Oggi abbiamo visto cose prodigiose

consacrazione1.jpgOggi abbiamo visto cose prodigiose”. (Lc. 5, 26)
Quali sono le cose prodigiose che hanno visto?
Un paralitico nel corpo che ora cammina; un paralitico nell'anima che è perdonato.
Non c'è infatti Miracolo più grande di un uomo peccatore che perdonato cambia i suoi passi e che cambiando i suoi passi sperimenta sempre più il perdono di Dio.
Non c'è miracolo più grande che una persona legata dal peccato, la paura, i fantasmi, le proprie inconsistenze la quale ha sempre detto no a Dio, ora possa dire Sì!
E dica questo Sì con i suoi passi di sequela prendendo il suo lettuccio, carico di ferita, e finalmente camminando.

L'uomo che vive, realmente, è il più grande miracolo.

Ogni miracolo è segno di questo grande prodigio del cuore dell'uomo che realmente si converte e li, nella sua storia concreta, segue il Signore.
Non c'è miracolo più grande di un cammino vocazionale alla vita e di un cammino vocazionale finalmente centrato in Cristo.

Questi prodigi ancora avvengono.
A noi tiepidi lo stimolo nello Spirito per cambiare vita,
prendere il nostro lettuccio, e finalmente, nel perdono di Dio, camminare!