La Comunità ecumenica di Taizé ricorda Frère Roger, a due anni dalla morte

"La sua testimonianza di fede cristiana e di dialogo ecumenico è stata un prezioso insegnamento per intere generazioni di giovani”: con queste parole, pronunciate durante l’udienza generale del 16 agosto di un anno fa a Castel Gandolfo, Benedetto XVI ricordava la figura di Frère Roger Schutz, fondatore della Comunità ecumenica di Taizé, ucciso da una squilibrata il 16 agosto 2005.  Continua su RV