Rassegna stampa etica

FromWeb: Risposte al bisogno per una nuova speranza

Quasi una persona su quattro nella Penisola è un “nuovo povero”, cioè non ha mai chiesto aiuto in precedenza per la sua situazione economica alla rete Caritas, per un totale di 132.717 persone, il 60,4% delle quali è di nazionalità italiana: complessivamente, dal maggio 2020 ad oggi, in oltre un anno di pandemia, si sono rivolti alle Caritas 453.731 nuovi poveri. Sono i dati allarmanti raccolti nel quarto monitoraggio realizzato dall’organizzazione ecclesiale sulla persistente emergenza pandemica e sulle risposte attivate nel territorio a un anno dalla cosiddetta “Fase 2”: una rilevazione sui bisogni, le vulnerabilità, ma anche le reazioni e le speranze di questo tempo difficile che sta producendo effetti sempre più negativi sulla condizione socio-economica dell’Italia e di altri Paesi. Al monitoraggio hanno partecipato 190 Caritas diocesane, pari all’87,1% del totale, avendo come obiettivo quello di indagare quanto avvenuto nei territori diocesani da settembre 2020 a marzo 2021. Sette mesi nel corso dei quali, accanto al perdurare delle situazioni di contagio, sono emersi evidenti segnali di ripresa e l’attivazione di nuove forme di sostegno a favore di persone, famiglie e imprese colpite a vari livelli dalla diffusione del virus. Nei 211 giorni che vanno dal 1° settembre 2020 al 31 marzo 2021, si legge nel dossier, le Caritas hanno accompagnato 544.775 persone, in maggioranza donne (53,7%) e italiani (57,8%).
Leggi su Osservatoreromano.va