Rassegna stampa Speciali

LA LEGGE 40 SULLA FECONDAZIONE ARTIFICIALE: I NODI VENGONO AL PETTINE

bambino-in-provetta.jpgDopo quello di Cagliari, anche il Tribunale di Firenze ha statuito che la diagnosi genetica preimpianto sugli embrioni prodotti è legittima; anzi: doverosa se richiesta da genitori che presentano malattie genetiche trasmissibili.
Non basta: il Giudice ha anche previsto che la donna possa acconsentire al trasferimento in utero dei soli embrioni sani, stabilendo che quelli malati debbano essere congelati e rimanere tali fino al termine del giudizio.  Una pronuncia che viola clamorosamente la legge 40, che punisce con sanzioni penali la ricerca e la manipolazione sugli embrioni per finalità non terapeutiche, la selezione a scopo eugenetico degli embrioni e il loro congelamento e impone espressamente un unico e contemporaneo trasferimento di tutti gli embrioni prodotti.

Come è stato possibile giungere a queste pronunce?

Nelle cause promosse dagli aspiranti genitori contro i centri di fertilità - cause fittizie, perché i centri sono favorevoli ad un via libera a questa pratica molto redditizia - mancavano i veri controinteressati: gli embrioni, di cui si discuteva la possibilità di sezionamento e congelamento.

Ma la legge 40 non proclama l'embrione "soggetto di diritto"? E la Costituzione non prevede che "tutti possono agire in giudizio per la difesa dei propri diritti"?

Ma per la fecondazione extracorporea gli embrioni sono "prodotti", oggetti che si pretende perfetti e che, nel caso contrario, vanno buttati via; e la legge niente ha previsto per una effettiva difesa dei diritti degli embrioni, anche contro i genitori che li rifiutano.

E così quel proclama non vale nulla, è una presa in giro.

E ancora: perché manca nella legge un divieto esplicito della diagnosi genetica preimpianto? E cosa significa riconoscere il diritto delle coppie ad essere informate "sullo stato di salute degli embrioni prodotti"? La diagnosi preimpianto non serve proprio a questo?

La legge 40 non doveva tutelare gli embrioni in provetta meglio di quanto la legge sull'aborto faccia nei confronti dei nascituri? Ma la legge 40 richiama la legge 194, e così i Giudici osservano che, durante la gravidanza, sono permessi esami molto invasivi e rischiosi per il feto, preliminari all'aborto eugenetico: perché allora non fare subito la diagnosi?

E se è legittimo l'aborto selettivo - con l'uccisione del feto malato - per quale motivo si dovrebbero impiantare anche gli embrioni difettosi?

Già dopo pochi anni si svela il contenuto effettivo della legge 40: una legge che - si diceva - avrebbe dovuto ricondurre entro limiti "ragionevoli" una tecnica che da decenni provoca la morte di milioni di embrioni, ne effettua una feroce selezione eugenetica, li utilizza a scopo sperimentale, li considera oggetti; una legge che ha permesso la morte legale di decine di migliaia di embrioni prodotti ogni anno e i cui "paletti" stanno via via cadendo: l'accesso alle sole coppie sterili (il Consiglio Superiore di Sanità propone di considerare "funzionalmente sterili" i malati di AIDS ...), l'impossibilità per le donne di rifiutare il trasferimento di alcuni embrioni e ora il divieto di diagnosi genetica preimpianto e il divieto di congelamento ... aspettiamo che qualche giudice sostenga che sugli embrioni congelati da anni e ormai non più utilizzabili si possono eseguire sperimentazioni ...

La legge 40 si dimostra niente più che una legge regolatrice di un diritto degli adulti.

Anche di questa legge - come della 194 - si può fare una sola cosa: abrogarla.

Per il Comitato Verità e Vita
Il Presidente
Mario Palmaro

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla mailing list di cristiano cattolico. Conforme al Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n.196, per la tutela delle persone e e il rispetto del trattamento di dati personali, in ogni momento è possibile modificare o cancellare i dati presenti nel nostro archivio. Vedi pagina per la privacy per i dettagli.
Per cancellarsi usare la stessa mail usata al momento dell'iscrizione.